List your home
Apply filters
£ to

Townhouse | 1 bedrooms | sleeps 4

Key Info
  • Beach / lakeside relaxation
  • Not suitable for children
  • Air conditioning
  • No pets allowed

Affittasi appartamento indipendente sul mare come da foto, anche periodi invernali.

La prenotazione è da intendersi sette giorni su sette, minimo settimanale, solo per i periodi estivi.

Ideale per gli amanti del mare d inverno e d estate, per coppie con bambini, per vacanze rilassanti.

Possibilità di altre soluzioni in loco. Per un preventivo definitivo contattare il proprietario.

Size Sleeps up to 4, 1 bedrooms
Notes No pets allowed, No smoking at this property

Features and Facilities

Luxuries Sea view
General Air conditioning
Rooms 1 bedroom, 2 bathrooms of which 1 Family bathrooms and 1 Shower rooms
Furniture 1 Sofa beds, Single beds (2), Double beds (1), Cots (1), Dining seats for 6
Other Linen provided, Towels provided
Outdoors Balcony or terrace, Shared garden, BBQ
Access Parking

The Sicily region

Siciliana, è una regione italiana autonoma a statuto speciale di 4 992 277 abitanti[2], con capoluogo Palermo.

Il territorio della regione, che fa parte dell'Italia insulare, è costituito quasi interamente dall'isola omonima, la più grande isola italiana e mediterranea; la parte rimanente è formata dagli arcipelaghi delle Eolie, delle Egadi e delle Pelagie, da Ustica e Pantelleria.

È la regione più estesa d'Italia[10] e il suo territorio è diviso in 390 comuni ripartiti a loro volta in 9 liberi consorzi e 3 città metropolitane[11].

È l'unica regione italiana ad annoverare due città fra le dieci più popolose del Paese: Palermo e Catania. È bagnata a nord dal Mar Tirreno, a sud dal Mar di Sicilia, a est dal Mar Ionio e a nord-est dallo stretto di Messina che la separa dalla Calabria.

La più antica traccia umana rinvenuta nell'isola è datata al 12.000 a.C. circa. Intorno al 750 a.C., la Sicilia divenne una colonia greca e nei successivi 600 anni fu il principale campo di battaglia delle guerre greco-puniche e romano-puniche, che terminarono con la distruzione di Cartagine da parte di Roma. Dopo la caduta dell'Impero romano d'Occidente nel V secolo, la Sicilia fu terra di conquista, e durante l'Alto Medioevo è stata assoggettata dai Vandali, dagli Ostrogoti, dai Bizantini, dagli Arabi e dai Normanni, sotto cui nacque il Regno di Sicilia, durato dal 1130 al 1816, subordinato alla corona d'Aragona, al Sacro Romano Impero e, infine, ai Borbone (poi divenuto Regno delle Due Sicilie). È stata unita al resto d'Italia nel 1860, ma il successivo crollo economico post unitario ha provocato un'ondata di emigrazione, si accese il sentimento indipendentista siciliano e l'emergere della mafia[senza fonte]. Ancor prima della nascita della Repubblica italiana nel 1946, alla Sicilia fu concesso lo status speciale di regione autonoma che dispone di un proprio parlamento.

Il clima della Sicilia è generalmente mediterraneo, con estati calde ed inverni miti e piovosi, con stagioni intermedie molto mutevoli. Sulle coste, soprattutto quella sud-occidentale, il clima risente maggiormente delle correnti africane per cui le estati possono essere torride.

Contrariamente ai luoghi comuni che vedono la Sicilia come isola del caldo anche invernale, soprattutto lungo la costa tirrenica e nelle zone interne, gli inverni possono essere anche rigidi e tipici del clima continentale.

La neve cade abbondante al di sopra dei 900-1000 metri, ma le eventuali ondate fredde possono facilmente portarla in collina e persino nelle città costiere (quest'ultimo fenomeno è più comune a Messina). I monti interni, in particolare Nebrodi e Madonie e l'Etna godono di un clima pienamente alpino. Sulla vetta del vulcano non è infrequente vedere nevicate anche a Luglio, quando la temperatura si abbassa per le consuete correnti atlantiche che battono l'isola a fine Luglio, inizio Agosto. Nelle neviere collinari e montane la neve si mantiene bene fino a giugno e molti paesi convivono con un clima tutt'altro che mite. Per contro, soprattutto d'estate non è raro che ci sia lo scirocco, il vento proveniente dal Sahara. La piovosità è scarsa, e l'acqua si rivela deficitaria in alcune province dove possono accadere talvolta crisi idriche. Questa tabella riassume i dati raccolti da tre stazioni meteorologiche esemplificative presenti in Sicilia:[16]

RAGUSA:

La città è la più agiata del mezzogiorno d'Italia;[7] essa è chiamata la "città dei ponti" per la presenza di tre strutture molto pittoresche, ma è stata definita anche da letterati, artisti ed economisti come "l'isola nell'isola" o "l'altra Sicilia",[8] grazie alla sua storia e ad un contesto socio-economico molto diverso dal resto dell'isola. Nel 1693 un devastante terremoto causò la distruzione quasi totale dell'intera città, mietendo più di cinquemila vittime. La ricostruzione, avvenuta nel XVIII secolo, la divise in due grandi quartieri: da una parte Ragusa superiore, situata sull'altopiano, dall'altra Ragusa Ibla, sorta dalle rovine dell'antica città e ricostruita secondo l'antico impianto medioevale.

I capolavori architettonici costruiti dopo il terremoto, insieme a tutti quelli presenti nel Val di Noto, sono stati dichiarati nel 2002 Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO. Ragusa è uno luoghi più importanti in assoluto per la presenza di preziose testimonianze di arte barocca.[9]

In generale il barocco ragusano è una rielaborazione di opere o disegni, spunto in cui si inserisce il gusto raffinato ed eclettico dell'artista, infatti molti mastri-scultori costituirono la base sulla quale la fantasia, l'estro e l'abilità di questi, riprodusse e personalizzò modelli e schemi, ricavando con la pietra locale, calda e dorata, effetti riferibili solo al barocco ibleo. La maggior parte del patrimonio artistico, con la sola eccezione della cattedrale di San Giovanni Battista e di qualche palazzo settecentesco, si trova nel quartiere antico di Ibla. Il solo quartiere di Ragusa Ibla contiene oltre cinquanta chiese, la maggior parte sono in stile tardo barocco. Anche i palazzi storici sono numerosi.

Ragusa

DONNALUCATA conta 3235 abitanti, è una frazione marinara del comune di Scicli da cui dista circa 20 km, in provincia di Ragusa.

Nel 1091, il conte Ruggero d'Altavilla sconfisse i saraceni, secondo una leggenda religiosa, grazie all'intervento della Madonna detta poi delle Milizie, e in tale luogo fu costruito un santuario.

Attorno al santuario e ad una torre costiera si sviluppa nei secoli il borgo.

La costa è caratterizzata da ampie spiagge di fine sabbia dorata, che in estate diventano meta di folle di vacanzieri.

Le attività principali sono la pesca ed il turismo, oltre all'agricoltura in serra con la produzione di primizie orticole e fiori.

This advert is created and maintained by the advertiser; we can only publish adverts in good faith as we don't own, manage or inspect any of the properties. We advise you to familiarise yourself with our terms of use.

Close

Min stay varies

Changeover day Flexible

from£25/nighthelp

This is the estimated nightly price based on a weekly stay. Contact the advertiser to confirm the price - it varies depending on when you stay and how long for.

Book your stay

*
*
*

Subtotal

 Your dates are available

Contact the owner

Close

Payment options

You need to pay through the Holiday Lettings website to ensure your payment is protected. We can’t protect your payment if you don’t pay through us.Learn more

You're booking with

Barbara R.

100% Response rate

Calendar last updated:05 May 2014

Based in Italy

Languages spoken
  • Italian

Also consider

Syracuse
687 properties
Catania
533 properties
Noto
282 properties
Scicli
170 properties
Modica
163 properties
Marina di Ragusa
128 properties
Pachino
50 properties
Santa Croce Camerina
42 properties
Acate
39 properties
Aci Trezza
31 properties
Sampieri
31 properties
Caltagirone
18 properties
Enna
15 properties
Piazza Armerina
14 properties
Ragusa Ibla
14 properties
Comiso
9 properties
Palazzolo Acreide
9 properties
Rosolini
9 properties
Chiaramonte Gulfi
8 properties
Ragalna
6 properties

Start a new search