List your home
Apply filters
£ to

Enter a caption for your photo

Barn | 2 bedrooms | sleeps 4

Key Info
  • Nearest beach 50 km
  • Swimming pool
  • Great for children of all ages
  • Car essential
  • Pets welcome
  • Private garden

The Piaggione of Serravalle, at a first glance, appears as a gem naturally cast on the highest ridges of the Chianti hills of Central Tuscany, and as a jewel it shines with its authentic flavors, ancient traditions and silent stillness.

Shaded and enclosed by oak woods and shrouded by the greenness of its olive trees and vineyards, it mingles within the horizons of the grandeur of the Tuscan countryside that is still genuine and remarkably unspoilt. The structure of Piaggione consists of two spacious apartments, one holds four, the other, three bedrooms and a separate two bedroom cottage. Among these, the Loggia, which houses a wellness center embellished by an exotic touch. On the top floor a spa tub and an infrared sauna and, accessing via a staircase, you will approach a somewhat hidden room used for massages and turkish baths on the bottom floor.

On the outside you are welcomed by a splendid swimming pool that plunges down on the lush valleys and, between sprouts of fragrant shrubs, built in the rocks, a jacuzzi tub that is surmounted by a spurt of hot water. Small paths and stone steps cut into the gardens that slope down the valley, designing silent hidden nooks that make its way through the forests. In this enchanting setting, stand out the modern sculptures of famed artist Alberto Inglesi that will accompany your quaint countryside strolls and hikes. If your desire is to rediscover the spontaneousness of life, the Piaggione of Serravalle is the place to be, to relax and immerse yourself in the magnificence of a Tuscan setting blessed by serenity and silence.

The Piaggione of Serravalle is a unique farm. With an uninterrupted thirty year activity, in the chaos and hassle bussle of modern society, it proposes itself as an enlightened example of eco-compatibility that brings forth a devout respect for mother nature from which it draws its fortunes. We are talking about a working farm estate that is based on real life family stories and human relationships that are perfectly compatible with our times. One of our goals is to improve the excellence in the quality of services as well as being discreet in maintaining unchanged the authenticity of the ancient traditions of the area.

Camilla is a licensed tour guide that has been operating for over thirty in Siena and its province. Together with her husband Alberto, at her mothers death, despite the hard times, she decided to roll up her sleeves and take control of the project, proving not only to be fit for the task but demonstrating a strong character suitable for the role. She undertook challenging decisions, always dictated by a spirit of loving-kindness and far-sighted choices that rewarded her over the years and that culminated in this wonderful masterpiece.

Camilla is fluent in English, French and German and her vast knowledge of local history and art of the area, together with her fascinating savoir faire, guarantee unforgettable tours and excursions to explore Siena and its treasures. Her passion for the authentic taste of local cuisine, is high-flown in her first-class preparation of typical dishes that she cooks and serves in unforgettable dinners accompanied by Chianti wines of her own production in front of somewhat a fairy tale landscape. Alberto is a world acclaimed sculptor. His works can be admired not only on the premises but can be found in many other permanent exhibits, as well as Milan, Rome and Turin, in the Canton of Fribourg or in the Castle of Gruyeres. He has been responsible for adorning squares and corners of many villages and museums scattered around Tuscany. His innate manual dexterity allowed him to implement the works of her brilliant wife that suggested him to embellish the property by leaving his own artistic signature a bit all over the estate. Alberto also embarked a journey of his own self discovery, that convinced him it was time to lead a life more in union with nature. You shall in fact always find him around the property, busy with his chores, that include all the daily activities necessary to run the farm and thanks to his kind nature is always willing to satisfy your requests. At the Piaggione you can enjoy the fruits of his wise and patient work, from wine to olive oil, to the eggs laid by his hens, his meats and all the other organic goodies he cultivates and produces, and of course, we highly recommend his speciality; the pizza he bakes in the ancient wood oven on the premises!

Size Sleeps up to 4, 2 bedrooms
Nearest beach follonica 50 km
Will consider Long term lets (over 1 month)
Access Car essential
Nearest Amenities 1 km
Nearest travel links Nearest airport: firenze peretola 45 km, Nearest railway: siena 12 km
Family friendly Great for children of all ages, Suitable for people with restricted mobility
Notes Pets welcome, Yes, smoking allowed

Features and Facilities

Luxuries Jacuzzi or hot tub, Sauna
General Central heating, CD player, Table tennis, Games room, Satellite TV, Wi-Fi available
Standard Kettle, Toaster, Iron, Hair dryer
Utilities Clothes dryer, Dishwasher, Cooker, Microwave, Fridge, Freezer, Washing machine
Rooms 2 bedrooms, 1 bathrooms of which 1 Family bathrooms
Furniture 1 Sofa beds, Single beds (2), Double beds (1), Cots (1), Dining seats for 8, Lounge seats for 4
Other Linen provided, Towels provided, High chair
Outdoors Balcony or terrace, Private garden
Access Parking

The Tuscany region

Il Chianti è stato da sempre una regione a vocazione prevalentemente agricola. Furono probabilmente gli Etruschi che vi introdussero la coltura della vite: la loro indiscussa abilità agricola e la loro saggia concezione della vita gettarono le basi per le future popolazioni della regione. Notizie di ritrovamenti etruschi provengono un po' da tutta la zona e, d'altronde, la chiara etimologia etrusca di molti toponimi ci attesta come gli Etruschi abbiano a lungo abitato in questa zona e abbiano sfruttato abilmente il suolo, creando stabili insediamenti abitativi.

Il passaggio all'epoca romana è documentato al contrario con scarsi reperti: l'unico fatto di rilievo è la divisone amministrativa operata dai Romani tra i municipi di Fiesole, di Arezzo e in epoca augustea di Siena. Il periodo longobardo ci è noto per le lunghe contese tra i vescovi di Siena e di Arezzo per la spartizione del territorio: nel 715 ci provò il re Liutprando a risolvere il dissidio. All'Alto Medioevo si può quindi far risalire una sommaria divisione del territorio fra i feudatari e i religiosi delle grandi abbazie di Passignano, Montemurlo e Coltibuono, un'equilibrata spartizione tra potere temporale e spirituale. Nel X secolo il Chianti appariva diviso in vari feudi dai Marchesi di Toscana, che in quanto vicari imperiali ne avevano la giurisdizione. Il potere centrale era in quel periodo piuttosto debole e solo nel caso di grandi personalità, come il Marchese Ugo, si faceva sentire. Il più delle volte era il signore del luogo che dal suo castello governava come un sovrano assoluto il suo feudo. Ma non dobbiamo pensare a situazioni estreme: nel Medioevo non ci furono mai, come durante il periodo romano, rivolte di schiavi e contadini. Il feudo era organizzato come un sistema chiuso, una grande famiglia: i contadini dovevano cedere una parte del raccolto al signore, ma questo gli offriva protezione e riparo in caso di scorrerie e aggressioni dall'esterno. In questo periodo la regione si dissemina di una miriade di castelli, posti per la maggior parte su collinette in posizioni militarmente strategiche. Le famiglie della nobiltà longobarda e franca sono spesso rimaste proprietarie fino ai giorni nostri di grandi tenute che, con un pizzico di orgoglio snob, non hanno mai abbandonato, dedicandosi alla cura del territorio: profondamente legati alla loro terra, spesso si vedono girare tra i filari delle loro proprietà, più interessati al vino che ai salotti mondani.

Nella contesa tra Arezzo e Siena si inserì nel XII secolo anche Firenze che, cosciente della propria potenza economica e politica in continua ascesa, non vedeva di buon occhio la vicinanza di una pericolosa rivale quale Siena. Il Chianti divenne così il campo di battaglia fra le due città. La lotta per il possesso del Chianti si può dire conclusa all'inizio del Duecento: con la pace di Fonterutoli del 1201 e il Lodo di Poggibonsi di due anni dopo, la Repubblica Fiorentina si annesse tutto quel territorio che d'ora in poi sarà chiamato Chianti. Il confine fra le due repubbliche rimase quindi per secoli molto spostato a sud e si vennero a creare due linee forticate, una specie di cortina di ferro dell'epoca: da parte fiorentina era costituita dai castelli di Brolio, Cacchiano, Monteluco, Montecastelli, Montemarchi, Rentennano e Tornano che si fronteggiavano con quelli senesi di Aiola, Civitamura, Cerreto, Selvole e Sesta.

Nel 1250 nell'ambito del riassetto amministrativo dei suoi territori, la Repubblica Fiorentina costituì la Lega del Chianti, una specie di provincia, divisa in tre parti o Terzieri con a capo Radda, Castellina e Gaiole. Il Podestà risiedeva a Radda.

Per un secolo, a partire dalla metà del Quattrocento, il Chianti fu sconvolto da guerre e invasioni che coinvolsero tutta l'Italia. Nella penisola si erano formate due alleanze: da una parte c'erano il Papa, Napoli e i Visconti, dall'altra Firenze, Venezia e gli Sforza. Spronato dai Senesi che non vedevano altro che un'occasione per molestare Firenze, il re di Napoli Alfonso d'Aragona penetrò in Toscana: se la prima venuta, nel 1447, non aveva destato grandi preoccupazioni, la seconda del 1452 fu terribile. Nel Chianti il bestiame venne razziato, il raccolto depredato, i migliori uomini uccisi o fatti prigionieri. Nei 25 anni successivi la Repubblica Fiorentina si dedicò completamente alla ricostruzione del suo territorio. Nel 1478 Siena si alleò di nuovo col re di Napoli per scacciare i Medici da Firenze: l'esercito di Ferdinando d'Aragona dilagò in Toscana provocando nuove distruzioni. Nel 1529 Carlo V si era impegnato ad aiutare Papa Clemente VII a restaurare i Medici a Firenze e assediò la città che si era ridata ordinamenti repubblicani. Stretto tra l'esercito imperiale che si dava a saccheggi e scorrerie e gli odiati senesi, il Chianti venne completamente prostrato. Ma nel 1555 Firenze ebbe finalmente ragione dell'odiata rivale: con la caduta della Repubblica Senese e l'affermarsi del potere forte e pacificatore del ducato mediceo su tutto il territorio toscano, iniziò per il Chianti un lungo periodo di pace e di tranquillità. I suoi abitanti poterono finalmente dedicarsi completamente alla cura e alla valorizzazione del proprio territorio. Il Chianti cambiò progressivamente volto: i castelli persero la loro funzione e si trasformarono in grandi ed eleganti ville e fattorie. L'agricoltura si sviluppò appieno: è sintomatico che proprio a partire da quest'epoca cominciò a diffondersi la fama del suo più illustre prodotto.

Durante il Granducato mediceo e lorenese il sistema della mezzadria improntava i rapporti sociali e il paesaggio rurale. Nel 1716 Cosimo III individuò per la prima volta una zona di produzione vinicola di particolare pregio che, oltre a quelle storiche, comprendeva anche le terre di Castelnuovo Berardenga, Barberino Valdelsa, Tavarnelle e San Casciano. I granduchi lorenesi incoraggiarono sia lo sviluppo di tecniche agricole più moderne, sia il miglioramento delle condizioni dei contadini, premiando le fattorie che applicavano soluzioni sociali dettate dalle idee illuministiche.

Ma è nella seconda metà del Novecento che la zona vive una straordinaria trasformazione: dal sistema poderale mezzadrile si passa velocemente all'organizzazione di vigneti specializzati e di grandi dimensioni, gestiti da moderne aziende che determinano il successo internazionale del Chianti. Le suggestioni della modernità spingono migliaia di contadini a trasferirsi in città e se i paesi chiantigiani non si spopolano è solo grazie all'arrivo di immigrati meridionali. Le vecchie vigne, le colture praticate all'epoca della mezzadria, scompaiono per lasciare il posto a vigneti dai filari geometrici predisposti per un'agricoltura meccanizzata. Una parallela trasformazione si verifica anche per le case coloniche: persa la loro funzione di abitazioni contadine, diventano o seconde case o agriturismi o nuove abitazioni per italiani e stranieri desiderosi di fuggire la caotica società urbana per stabilirsi in uno dei più bei paesaggi collinari italiani. Inglesi, tedeschi, svizzeri e olandesi acquistano case coloniche talvolta in rovina, le ristrutturano con gusto e raffinatezza e vi si stabiliscono. Pian piano cominciano anche a mettere mano alle vigne, tanto che oggi alcuni di loro sono diventati produttori di vini di ottima qualità. Da qui l'appellativo scherzoso di Chiantishire per una zona dove gli abitanti stranieri sono divenuti la maggioranza. Una maggioranza di aristocratici dello spirito, spesso intellettuali ed artisti, ma anche semplici pensionati di Francoforte e Rotterdam che possono levarsi lo sfizio di offrire a amici e parenti un bicchiere di vino di loro produzione, seduti ad ammirare un paesaggio ancora a misura d'uomo.

Castelnuovo Berardenga

The Piaggione of Serravalle is like a gateway entrance that protects an uncontaminated hill that seems lost in time and where nature apparently undisturbed articulates its own natural rhythms. Located on one of the highest summits of Chianti, in between Siena and Florence, the Serravalle hill overlooks the small village of Vagliagli and is enlightened by the soundtrack of birds chirping and the soft gentle breezes. The breathtaking panorama opens on a boundless landscape dotted here and there by castles and hamlets and enriched by the lush green of the surrounding forests. The valley embraces our vineyards, olive groves and vegetable gardens that are cultivated on terraced slopes and houses all of our live stock and farm animals.

Guest reviewsPowered by TripAdvisor

Guest reviews no reviews

Guest reviews Powered by TripAdvisor

5 star
1
4 star
0
3 star
0
2 star
0
1 star
0

Excellent 5/5

1 review Excellent 5/5

Help other travellers decide where to stay

Add your voice to the conversation about this holiday home and your review will appear on TripAdvisor too.

Write a review

Write a review
Review 1-1 of 1

18 Aug 2013

5/5

"A Real Gem"

What a find! Genuine Old School Italian Hospitality. Set in Ancient rural area. Gorgeous sunrise/sunsets.Expansive views.Comfortable beds/accomadation. Ample room.Attentive and discreet staff. Everyt… More

Review 1-1 of 1

This advert is created and maintained by the advertiser; we can only publish adverts in good faith as we don't own, manage or inspect any of the properties. We advise you to familiarise yourself with our terms of use.

Close

7 Nights min stay

Changeover day Sat

from£97/nighthelp

This is the estimated nightly price based on a weekly stay. Contact the advertiser to confirm the price - it varies depending on when you stay and how long for.

Book your stay

*
*
*

Subtotal

 Your dates are available

Contact the owner

Close

Payment options

You need to pay through the Holiday Lettings website to ensure your payment is protected. We can’t protect your payment if you don’t pay through us.Learn more

You're booking with

Alberto I.

90% Response rate

Calendar last updated:12 Sep 2014

Based in Italy

Languages spoken
  • English
  • French
  • German
  • Italian

Also consider

Greve in Chianti
309 properties
Siena
212 properties
Tavarnelle Val di Pesa
206 properties
Gaiole in Chianti
139 properties
Barberino Val d'Elsa
137 properties
Poggibonsi
103 properties
Castellina in Chianti
100 properties
Castelnuovo Berardenga
91 properties
Colle di Val d'Elsa
82 properties
Monteriggioni
68 properties
Radda
42 properties
Sovicille
30 properties
Montevarchi
27 properties
Montegonzi
25 properties
Cavriglia
19 properties
Sambuca
13 properties
Mercatale Valdarno
10 properties
Casetta
10 properties
Gracciano di Colle Val d'Elsa
8 properties
San Giovanni Valdarno
6 properties

Start a new search